Ricerca   Lingua 
 

È morto, in Messico, P. Álvaro Corcuera, L.C. (Articolo)
Ora resta la corona di giustizia (Articolo)
P. Gianfranco Ghirlanda nominato assistente pontificio della Legione di Cristo (Articolo)
«Il sì umile e trepidante che ora pronuncerete, Vi accompagni come croce e come gloria, per tutta la vita» (Articolo)
Estate giovani “Regnum Christi” (Articolo)

«Cosa cercate?»
ITALIA | VITA SPIRITUALE | SPIRITUALITà

Vangelo

Giovanni 1,35-42

In quel tempo, Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbi – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio. Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

Lettura

L’evangelista, dopo l’annuncio solenne dell’incarnazione del Verbo e la testimonianza del Battista, invita ora alla sequela. Coloro che si sono mossi per sentire e vedere sono in grado di accogliere la chiamata, di cogliere lo Spirito, sono invitati ora a compiere un nuovo viaggio. Tutta la scena è dominata da questo movimento dei discepoli del Battista, che lo lasciano, per seguire Cristo e stare con Lui.

Meditazione

Il Battista, fissando lo sguardo, dirige l’attenzione dei suoi discepoli verso il Cristo che passa accanto ad essi. Gesù sembra voler andare oltre, non prestare attenzione a chi lo guarda, si lascia scrutare, seguire per un po’, poi si ferma e si lascia avvicinare. È Lui ora che si volta e chiede «Cosa cercate?». Pone, così, una domanda fondamentale che riporta i discepoli alla loro fatica di ricerca. L’iniziativa del Cristo mette i discepoli in grado di chiarire qual è la motivazione interiore del loro cammino. Fino a questo momento essi hanno ascoltato il Battista parlare del Messia, si sono fatti una loro idea. Ora sono invitati a fare la loro esperienza personale. La risposta - «Maestro, dove abiti?» – sembra mossa dalla curiosità di voler comprendere, attraverso il luogo della dimora, il padrone di casa. Cercano un luogo in cui poter trovare riposo e Gesù li invita a continuare il cammino, non semplicemente a seguirlo in un luogo o in una località segreta, ma a stare con Lui. Il Maestro si rivela come colui che va loro incontro sia nel cammino che nell’instaurare un dialogo personale. L’invito «Venite e vedrete» è la chiamata a condividere la missione. Chiamata che risuona nell’animo dei due discepoli, tanto da fargli cambiare percorso e maestro. Il tempo stesso acquista valore nuovo, da quel preciso momento come sottolinea l’evangelista: «Erano circa le quattro del pomeriggio». I due discepoli sono invitati da Gesù ad andare oltre la curiosità, oltre le proprie convinzioni, a sostare con Lui, a passare dal sentito dire all’esperienza autentica. È un incontro di gioia, quella stessa di chi ha finalmente trovato ciò che cercava, è la gioia che non si riesce a contenere, che deve essere annunciata. L’incontro e la chiamata del Cristo li ha cambiati, sono resi uomini nuovi, è cambiata la loro storia, così come viene cambiato il nome di Simone in Pietro. Lo sguardo fisso del Cristo dice ai discepoli che nel percorso non sono lasciati soli, hanno sempre un punto in cui trovare ristoro: non un luogo, ma la Sua persona.

Preghiera: O Signore, fammi sentire sempre il tuo sguardo amorevole, sostienimi lungo il cammino che mi hai dato da fare, in te trovi ristoro, forza per superare le difficoltà. E ancora, che la gioia dell’incontro con te mi renda capace di testimoniarti lungo tutto il sentiero della vita.

Agire: Oggi testimonierò la gioia dell’incontro con Cristo, andando a far visita ad una persona anziana che so essere sola.  


DATA DI PUBBLICAZIONE: 2012-01-04


 
 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


Desideri aggiungere «Cosa cercate?» ai tuoi preferiti?
Sì   -    No