Ricerca   Lingua 
 

È morto, in Messico, P. Álvaro Corcuera, L.C. (Articolo)
Ora resta la corona di giustizia (Articolo)
P. Gianfranco Ghirlanda nominato assistente pontificio della Legione di Cristo (Articolo)
«Il sì umile e trepidante che ora pronuncerete, Vi accompagni come croce e come gloria, per tutta la vita» (Articolo)
Corso base per Guide NET (Articolo)

I cammini di Dio...
ITALIA | ATTUALITA | TESTIMONIANZE
Di Mariusz Kielbasa, LC

Mariusz Kielbasa, LC
Mariusz Kielbasa, LC

Non avevo mai desiderato essere sacerdote... da bambino ho rifiutato più volte l’invito del mio parroco a fare il chierichetto perché in fondo pensavo che tutti gli accoliti fossero destinati, un giorno, a diventare preti!

Alle superiori, su invito di un’amica, ho partecipato a una specie di ritiro guidato dai carismatici. Durante la così detta “preghiera per la luce dello Spirito Santo”, mi è capitato di ascoltare il passaggio di Mt 21, 28-32: «I pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio». Non sapevo che cosa volesse dirmi Dio con questo, perché avevo sempre una buona relazione con lui. Quando iniziai l’università a Cracovia, il primo giorno mi tornò alla mente quel brano e cercai una chiesa, vicina al campus studentesco, per poter andare alla messa domenicale. La prima volta che andai a messa m’innamorai dei canti del coro. Da allora iniziai ad andare più spesso in chiesa per ascoltare il coro finché, con il tempo, entrai nel gruppo.

Intanto studiavo, lavoravo nella mia impresa per pagarmi gli studi e avevo una buona vita sociale. Sognavo sempre di avere una bella famiglia e feci i primi passi necessari. Conobbi una ragazza con la quale iniziammo a pensare seriamente al matrimonio. Oltre a questo, ero responsabile di un club ECYD. L’ultimo anno di università, durante un campo con il noviziato della Germania, insieme ai giovani del mio gruppo, sentii per la prima volta un’attrazione per il sacerdozio. L’esempio di gioia dei novizi non mi lasciava indifferente. Qualcosa cambiò dentro di me.

Nei due mesi successivi soffrii molto perché da un lato avevo già tutto programmato nella mia vita (matrimonio, impresa, stile di vita) e dall’altro sentivo che Dio mi stava chiamando. Offrii tutto a Maria durante il mese di maggio e mi aiutò. Una settimana dopo aver preso la laurea entrai nel noviziato.

Oggi vedo molto chiaro che, come dice il profeta Isaia, le nostre vie non sono le vie del Signore (cfr. Is 55, 8-9) però sono sempre vie d’amore. La vocazione è un’avventura con Dio, basta lasciarsi portare dal suo amore.


DATA DI PUBBLICAZIONE: 2012-06-30


Diaconate Ordinations in Rome - 2012 - Galeria
- Articolo
 

Related articles
- Ordinazioni diaconali dei Legionari di Cristo
 
- Ordinazioni diaconali dei Legionari di Cristo, Roma 30 giugno 2012


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


Desideri aggiungere I cammini di Dio... ai tuoi preferiti?
Sì   -    No