Ricerca   Lingua 
 

La GMG con il Regnum Christi, a Cracovia (Articolo)
Si è conclusa l´Assemblea territoriale del Regnum Christi (Articolo)
Missioni di Settimana Santa 2016 (Articolo)
Assemblea territoriale del Processo di Revisione degli Statuti (Articolo)
La lingua materna dell’Europa è il cristianesimo (Articolo)

Buon Pastore e pastore buono
ITALIA | ATTUALITA | ARTICOLI DI OPINIONE

Buon Pastore

La recente esortazione di papa Francesco, Amoris Laetitia, sta facendo discutere molto. Da novembre del 1981, quando Giovanni Paolo II ha pubblicato la Familiaris consortio, non era stato più scritto un documento di tale portata sul matrimonio e sulla famiglia. L’esortazione di Francesco non solo conferma l’insegnamento della Chiesa ma presenta anche, con creatività profetica, nuove visioni e atteggiamenti di fronte alle complesse situazioni che oggi si vivono in tante famiglie.


Non sono mancati “dottori della legge”, come li chiama proprio Francesco nel libro - intervista “Il nome di Dio è misericordia”, perplessi e financo scandalizzati. Secondo loro, la Amoris Laetitia risulta troppo indulgente, quasi accondiscendente con la cosiddetta “morale della situazione”. La tesi di fondo di una simile morale è che la bontà o la malvagità dell’agire umano non siano fissati da una legge universale e immutabile ma si possano valutare a seconda della situazione personale, culturale, sociale ecc. in cui si trova l’individuo.


Papa Giovanni Paolo II aveva già segnalato l’erroneità di questa posizione, sia nella sua esortazione apostolica Reconciliatio et paenitentia del 1984, sia nella sua enciclica Veritatis splendor del 1993. Papa Francesco si colloca sulla stessa linea nel ricordare senza ambiguità che il matrimonio è una comunità di vita e di amore, esclusiva e indissolubile, che si può costituire solo tra un uomo e una donna. Che il Papa insista allo stesso tempo, come linea pastorale, sull’integrazione invece che sull’esclusione, sulla misericordia invece che sulla condanna, non ha niente a che vedere con la verità sul matrimonio e sulla famiglia; sottolinea solo che anche la misericordia è dottrina cattolica; anzi, ancora di più: è il suo insegnamento fondamentale.


Gesù, il Buon Pastore, ha detto: «Beato colui che non si scandalizza di me» (Mt 11, 6). Lui era ben cosciente che il suo insegnamento, già a partire dalle beatitudini, era una rottura degli schemi. L’atteggiamento anti farisaico di Gesù e la sua opposizione a “la legge per la legge” quando si lascia toccare da una prostituta o tocca lui stesso un lebbroso, quando mangia con pubblicani e peccatori e difende un’adultera e dicendole: «Neanch´io ti condanno», la vedo in Francesco. E vedo anche, con tristezza, i vestiti lacerati dei farisei in chi oggi critica l’insegnamento del Papa in nome di una supposta fedeltà al Magistero della Chiesa, quando quello stesso Magistero che è ufficiale in una lettera come Amoris Laetitia, oggi si pronuncia con tanta chiarezza sulla linea dell’accoglienza e della misericordia.


Verità e misericordia non si contrappongono. Infatti, la misericordia è possibile solo laddove c’è miseria, dove c’è fragilità; dove una verità è trasgredita e una bontà è infranta. In questo senso, il Papa non propone novità nella sua esortazione: insegna quel che la Chiesa ha sempre insegnato sulla verità, sul bene e sulla bellezza del matrimonio e della famiglia. Però, al tempo stesso ricorda a tutti e soprattutto ai pastori della Chiesa, che l’uomo e la donna, quando non riescono a vivere questa verità nella sua integrità, devono essere accolti, compresi, perdonati, sostenuti e incoraggiati in un cammino di progressiva conversione non di discriminazione o esclusione.


La Chiesa, nella IV domenica del Tempo pasquale, celebra Gesù Buon Pastore. Io gli sono grato perché continua a essere oggi, nella persona del suo vicario sulla terra, non solo il Buon Pastore che conduce il gregge, indicando la strada vera ma anche il Pastore Buono che sa lasciare la strada quando una pecora si perde e non riposa finché non la ritrova, la mette sula spalle e la riporta sulla retta via.


Alejandro Ortega Trillo è sacerdote legionario di Cristo, laureato in filosofia, dottorato in materie umanistiche, conferenziere e scrittore.


È autore dei libri “Vizi e virtù” e Guerra nell’alcova”.


Attualmente vive a Roma.


aortega@legionaries.org


www.aortega.org




FECHA DE PUBLICACIÓN: 2016-04-15


 
 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


¿Deseas agregarBuon Pastore e pastore buono a tus favoritos?
  -    No