Ricerca   Lingua 
 

P. Manuel Álvarez Vorrath è il nuovo Direttore Territoriale d’Italia (Articolo)
Villaggio dei Ragazzi - Si dimettono i tre componenti designati dalla Congregazione (Articolo)
I Legionari nella parrocchia dei Santi Apostoli e Biagio, a Firenze (Articolo)
P. Carlos Blanco, L.C. è il nuovo parroco a Busa di Vigonza (PD) (Articolo)
La Santa Sede approva le Costituzioni dei Legionari di Cristo (Articolo)

Pellegrinaggio alla tomba di san Pietro
ITALIA | NOTIZIE
118 vescovi di nuova nomina insieme a Roma per rinnovare l’adesione al Vicario di Cristo

Roma, 7 settembre 2011. Con la recita dei vespri in comune, ha avuto inizio, presso il Centro di Studi Superiori dei Legionari di Cristo, a Roma, il “Pellegrinaggio alla tomba di san Pietro” per 118 Vescovi di nuova nomina, provenienti da ogni parte del mondo, organizzato dalla Congregazione per i Vescovi.

Il primo convegno per i nuovi vescovi, su iniziativa del Card. Giovanni Battista Re, allora Prefetto del medesimo Dicastero, si è tenuto nel 2001.

Già da dieci anni i Legionari di Cristo offrono alla Congregazione per i Vescovi la propria casa, in via degli Aldobrandeschi, per ospitare, oggi anno, in settembre, circa 100 vescovi, appena consacrati, che cominciano così la loro grande missione.

Uno dei momenti più forti del pellegrinaggio è la S. Messa nella Basilica di San Pietro. I Vescovi scendono fino alla tomba di colui che fu il primo Papa, per rendergli omaggio e implorare la sua potente intercessione sul loro ministero di pastori e di testimoni della fede. Un altro momento che nessuno dei nuovi Vescovi dimenticherà mai e l’udienza con il Santo Padre e il saluto personale del Successore di Pietro.

Padre Javier Gonzalez, L.C. è stato per molti anni il coordinatore, all’interno del Centro Studi, di questo incontro annuale e ha risposto a alcune domande:

Come è iniziata questa collaborazione con la Congregazione per i Vescovi?

In occasione del “Giubileo dei Vescovi”, sul finire dell’Anno Santo del 2000, ha avuto luogo il primo incontro dei vescovi in Vaticano organizzato dall’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum in collaborazione con la Congregazione per i Vescovi, presso la nostra sede. Dopo quell’incontro, il prefetto della Congregazione per i Vescovi, il Card. Re, ha chiesto ai nostri superiori di accogliere i Vescovi che, d’allora in poi, ogni anno, si sono recati a Roma per un convegno di formazione e di preparazione per la loro missione.

Ospitarli è stato per noi, sin dall’inizio, motivo di grande gioia, e sicuramente i religiosi e i sacerdoti che vivono a Roma hanno avuto in questi anni testimonianze di vita che li hanno aiutati a crescere nella fede e
Pellegrinaggio alla tomba di san Pietro, Roma, 2011
«L’ordinazione episcopale conferisce un posto più in alto nella gerarchia ecclesiastica, sì, ma soprattutto una responsabilità pastorale grandissima che per molti arriva inattesa e a volte indesiderata».
a sentirsi parte della vita della Chiesa.

Qual è il significato, per la comunità dei Legionari di Cristo, dell’incontro con tanti Vescovi provenienti da ogni parte del mondo?

Come sappiamo e crediamo fermamente, i vescovi sono i successori degli Apostoli. È una grande emozione averli con noi, e non solo per i giovani: anche tra i Padri più anziani ho sentito spesso, in questi anni, parole commosse per la presenza dei Vescovi, tanti Pastori della Chiesa, tutti riuniti nella nostra casa.

Durante il giorno i Vescovi hanno diverse riunioni e impegni e noi Legionari viviamo i nostri, ma i momenti comuni, come la celebrazione eucaristica, i pasti e le preghiere, sono l’occasione per rinnovare l’adesione alla Chiesa nella sua multiforme varietà. È anche una maniera eccellente di avvicinarsi alle persone che il Signore ha scelto per portare il peso delle varie comunità, ciascuno la propria diocesi, a volte intere regioni, e scoprire che sono esseri umani come noi, semplici, con aspettative, preoccupazioni, ma soprattutto con molta fiducia nella grazia di Dio, che li aiuterà a guidare il popolo che Lui stesso ha affidato loro. È molto edificante ascoltare la storia di ognuno e percepire la grande disponibilità, la trepidazione e l’apertura di cuore con cui questi uomini di Dio affrontano il loro ministero.

Inoltre, nella nostra congregazione sono rappresentate diverse nazionalità e per alcuni fratelli questa è un’occasione preziosa per conoscere da vicino colui che sarà vescovo nel loro Paese d’origine, dove ancora vivono familiari ed amici. Naturalmente, ospitare 118 persone che parlano lingue diverse ed hanno abitudini e ritmi diversi da quelli di una comunità di religiosi, comporta anche un grande lavoro di squadra e una buona organizzazione interna.

Che cosa ricorda in particolare degli incontri degli anni passati?

Quello che mi porto nel cuore ogni anno è proprio l’ambiente che si crea: un vero e proprio spirito di famiglia che nasce fra tutti loro. Un riflesso di esso sono i momenti di convivenza tra la nostra comunità e il gruppo dei vescovi, in cui ci trasmettono tutto questo, per esempio, quando il coro canta per loro, o la nostra orchestra si esibisce (e ogni anno è un grande successo!) con i canti tradizionali messicani e italiani. Sono momenti informali, di allegria e di risate, in cui però abbiamo l’opportunità di riflettere sulla comune missione all’interno della Chiesa e nel mondo, sebbene abbiamo ruoli, ministeri e incarichi differenti.

L’ordinazione episcopale conferisce un posto più in alto nella gerarchia ecclesiastica, sì, ma soprattutto una responsabilità pastorale grandissima che per molti arriva inattesa e a volte indesiderata.

Ospitarli nella nostra casa, anno dopo anno, è un servizio che dobbiamo alla Chiesa intera e a ciascun Pastore e un segno della nostra adesione al Vicario di Cristo.

Recarsi in pellegrinaggio a Roma, all’inizio del loro ministero episcopale, vuole simbolicamente essere anche un rinnovamento dell’adesione al successore di san Pietro, che sarà la guida dell’attività pastorale di ciascuno.

I Vescovi riuniti intorno al Santo Padre nella città di Roma, centro della cristianità e centro della Chiesa, sono segno visibile dell’unità della Chiesa cui tutti siamo chiamati a collaborare.

Da Roma i vescovi novelli partiranno alla volta del Paese cui sono stati destinati. Noi li seguiamo con la nostra preghiera.

Vedi anche:

Pellegrinaggio Vescovi 2008

Galleria fotografica Pellegrinaggio Vescovi 2008

Pellegrinaggio Vescovi 2007

Pellegrinaggio Vescovi 2005

Galleria fotografica Pellegrinaggio Vescovi 2001


DATA DI PUBBLICAZIONE: 2011-09-12


- Galeria
 
 
- Pellegrinaggio alla tomba di san Pietro, Roma 2011


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


Desideri aggiungere Pellegrinaggio alla tomba di san Pietro ai tuoi preferiti?
Sì   -    No