Ricerca   Lingua 
 

È morto, in Messico, P. Álvaro Corcuera, L.C. (Articolo)
Ora resta la corona di giustizia (Articolo)
P. Gianfranco Ghirlanda nominato assistente pontificio della Legione di Cristo (Articolo)
«Il sì umile e trepidante che ora pronuncerete, Vi accompagni come croce e come gloria, per tutta la vita» (Articolo)
Estate giovani “Regnum Christi” (Articolo)

Inizia l’Avvento
ITALIA | ARTICOLI DI OPINIONE
Come vivere la festa nella liturgia e in famiglia.

presepe

Domenica 2 dicembre è iniziato il nuovo anno liturgico, con le letture domenicali del ciclo C, che prevedono la lettura continuativa del Vangelo di Luca.

L´anno liturgico inizia con l´avvento, un cosiddetto “tempo forte”, come la Quaresima, distinto dal tempo ordinario. Sebbene richiami, per il colore dei paramenti (viola) e per il clima di meditazione più profonda che viviamo, l’austerità della Quaresima, tuttavia qui l´accento è posto sull´attesa vigilante e non sullo spirito penitenziale.

Le quattro settimane di avvento (sei nel rito ambrosiano) precedono e preparano il Natale, la nascita di Gesù, l´incarnazione del Verbo divino, l´evento più importante della storia cristiana: Dio che si fa uomo per noi, per salvarci, dopo la caduta dei nostri progenitori e per liberarci dalla schiavitù del peccato originale.

La liturgia prevede che nel periodo di Avvento non si reciti il gloria, durante la S. Messa: le parole con cui esaltiamo la gloria di Dio risuoneranno di nuovo nella notte di Natale, come il canto angelico che annuncia la venuta al mondo di Dio.

Ci sono diversi simboli di questa festa che ormai sono comuni nelle nostre case e anche nelle chiese: il calendario dell’Avvento, che aiuta grandi e piccini a scandire il tempo dell’attesa; la corona dell’avvento, con quattro ceri che vengono accesi progressivamente domenica dopo domenica; e poi l’attesa di Babbo Natale sulla slitta trainata dalle renne e infine lo scambio di doni sotto l’albero.

Alcuni simboli, non cristiani, si sono fatti strada e uniti a quelli cristiani per eccellenza, la riproduzione della nascita di Gesù a Betlemme, nel presepe che ha raggiunto forme artistiche altissime soprattutto nei paesi dell’Italia del Sud.

«Nessuna raffigurazione del presepe rinuncerà al bue e l´asino» scrive il Papa, nel suo ultimo libro, sebbene nemmeno questi si possano far risalire alla descrizione della nascita di Cristo che troviamo nei vangeli.

Come vivere l´Avvento con lo spirito giusto, senza perderci nella corsa ai regali?

Rinnoviamo il senso dell´attesa e della festa nei nostri cuori e nei cuori di coloro che ci sono vicini.

Diamo un significato ai regali che facciamo, accompagnandoli con un biglietto scritto a mano, scegliendo prodotti solidali, o acquistandoli nei mercatini di beneficenza, aggiungendo ai regali per i nostri cari un regalo per una famiglia bisognosa, un´offerta più generosa in chiesa.

Lasciamoci guidare in questo tempo di attesa da Maria, nostra Madre e Madre di Cristo, pregando con Lei e aiutando altri, con la nostra preghiera, secondo le intenzioni per il mese di dicembre dell´Apostolato della preghiera: “I credenti contemplino l´incarnazione del Verbo con gli occhi di Maria”.

 


DATA DI PUBBLICAZIONE: 2012-12-05


 
 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


Desideri aggiungere Inizia l’Avvento ai tuoi preferiti?
Sì   -    No