Ricerca   Lingua 
 

È morto, in Messico, P. Álvaro Corcuera, L.C. (Articolo)
Ora resta la corona di giustizia (Articolo)
P. Gianfranco Ghirlanda nominato assistente pontificio della Legione di Cristo (Articolo)
«Il sì umile e trepidante che ora pronuncerete, Vi accompagni come croce e come gloria, per tutta la vita» (Articolo)
Estate giovani “Regnum Christi” (Articolo)

Chiamato al “dialogo con il Padre”
ITALIA | CHI SIAMO | NOTIZIE
Muore a Roma padre Antonio Izquierdo García, L.C.

Fr. Antonio Izquierdo, LC, during the Easter Vigil Mass in 2011
P. Antonio Izquierdo, LC, durante la Veglia Pasquale nel 2011

«Dialogo con il Padre» è il titolo di una delle sue pubblicazioni, oltre 30 su temi di Teologia, Sacra Scrittura e Spiritualità Cristiana. Il titolo di questo testo di p. Antonio Izquierdo García, L.C. è anche la chiamata che ha ricevuto nel tardo pomeriggio di ieri, 30 dicembre per l’incontro definitivo con Dio. Il p.Izquierdo nacque il 13 giugno del 1944 a Salamanca in Spagna, entrò nel noviziato il 15  settembre del 1959. Nel 1963 venne a Roma per iniziare gli studi di Filosofia. Dal 1966 al 1970 fece la sua pratica apostolica apostolica nel Messico come docente nel centro vocazionale e in seguito, como coordinadore generale dell’ Università Anáhuac. Emise la sua promessa ad vitam il 6 aprile del 1965 e, terminati gli studi di Teologia presso l’Università Gregoriana di Roma, fu ordinato sacerdote il 24 dicembre 1973.


Dopo la sua ordinazione sacerdotale p.Antonio Izquierdo svolse il suo ministero come professore al Centro di Studi Umanistici di Salamanca, del quale sarà anche prefetto di studi (1974-1977); direttore della comunità di apostolado a Rosedal in Città del Messico (1977-1979); direttore della sezione del Regnum Christi a Dublíno e professore del Centro di Formazione del Terzo Grado Femminile nella medesima città (1979-1982). Nel 1982 iniziò il suo impegno come professore di Teologia presso il Centro di Studi Superiori e nel 1983 venne nominato prefetto generale di studi superiori della Legione di Cristo, impegno durato fino al 1995. Nel 1996 conseguì la laurea in Scienze Bibliche presso il  Pontificio Instituto Biblico di Roma. Fu professore di Nuovo Testamento e Introduzione alla Sacra Scrittura presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum dal 1993 e membro della Associazione Biblica Italiana dal 1997. Dal 1996 fu inoltre uno dei cappellani delle consacrate di Roma.


Già da qualche d tempo p. Antonio stava combattendo contro il cancro, tanto che il 23 dicembre fu ricoverato in ospedale a causa di complicanze dovute allo stesso. La settimana precedente i medici avevano rilevato una notevole propagazione delle metastasi in diverse parti del corpo, in modo particolare a livello celebrale e renale causandogli l’ insufficienza degli stessi.   Nella mattina del 30 dicembre diversi gruppi di sacerdoti e religiosi sono andati a visitarlo. Verso mezzogiorno hanno cominciato a pregare con lui “la corona della Divina Misericordia”, un gesto che padre Antonio ha molto gradito.


         La salma  di padre Antonio sarà esposta nella cappella del Centro di Studi Studi Superiori da oggi 31diciembre al 1° gennaio. Il funerale sarà celebrato la mattina del 2 gennaio.


Secondo quanto riferito dai padri che lo hanno accompagnato negli ultimi momenti della sua vita terrena,  P. Antonio è andato all’incontro con Dio molto serenamente e contento di aver potuto offrire le sue sofferenze per la Legione e il Regnum Christi.

Padre Antonio ha lasciato una grande varietà di scritti e articoli redatti per riviste specializzate di Teologia, spiritualità e Sacra Scrittura. Nel campo editoriale ha appoggiato la nascita del Dipartimento di Pubblicazioni dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, del quale è stato direttore generale, oltre che fondatore  di “Ecclesia, rivista di cultura cattolica”, pubblicazione trimestrale della facolta di Filosofia del nostro Ateneo e presidente del consiglio editoriale di Edizioni ART.


Nella Via Crucis che padre Antonio, predicò per gli esercizi spirituali mensili, si può leggere questa preghiera che raccoglie i sentimenti con i quali, dopo una vita dedicata a Cristo e alla Legione, andò all’incontro con il Signore: “Signore Gesù, nella tua morte contemplo la mia,e la mia anima si riempie di pace. Tu hai vinto la paura della morte. Tu l’ hai rendenta dal suo assurdo messaggio. Tu hai ferito a morte la morte con la Luce della Tua vita. Grazie, Gesù mio, per questa tua singolare vittoria, che è anche la nostra. Grazie, Signore, per il tuo amore infinito, per essere morto sulla Tua croce e darci la Vita”.



DATA DI PUBBLICAZIONE: 2012-12-31


 
 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


Desideri aggiungere Chiamato al “dialogo con il Padre” ai tuoi preferiti?
Sì   -    No