Ricerca   Lingua 
 

P. Gianfranco Ghirlanda nominato assistente pontificio della Legione di Cristo (Articolo)
S. Messa in suffragio di P. Álvaro Corcuera, L.C. (Articolo)
Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione (Articolo)
La propria identità e l’empatia con l’altro (Articolo)
Premio professionalità a New Gate Tours Italia (Articolo)

Lettera di P.Álvaro Corcuera in occasione della “conversione di San Paolo”
INTERNAZIONALE | CHI SIAMO | NOTIZIE
Preghiamo affinchè, come il Santo che oggi commemoriamo, possiamo dire anche noi “non sono io che vivo, ma è Cristo che vive in me”.

lcrc logo italiano

Venga il tuo Regno!

25 Gennaio 2013

Ai  Legionari di Cristo
Ai membri e amici del Regnum Christi

Cari amici  in Cristo,

nel giorno in cui si ricorda la conversione di San Paolo, vi mando un grande saluto accompagnato dalle mie preghiere, affinchè, come il Santo, che oggi commemoriamo, possiamo dire con il cuore e in ogni momento “non sono io che vivo, ma è Cristo che vive in me”.

Dopo il mio intervento, Dio mi  ha concesso la grazia di potervi inviare queste righe e ringraziarvi di cuore per le vostre preghiere e la vostra vicinanza che mi commuovono molto. Vi ringrazio per i messaggi che mi avete inviato e per le dimostrazioni di appoggio e di amicizia.

Fra una o due settimane inizierò la radioterapia e la chemioterapia. Solo Dio sa quanto vi sia riconoscente e quanto stia offrendo tutto per voi.

L’Anno della Fede ci dà un impulso speciale per affrontare tutto con la prospettiva delle virtù teologali: la fede per vedere Dio in ogni persona e circostanza, la fiducia per sapere che «tutto contribuisce al bene», la carità per corrispondere all’amore di Dio. Il mio intervento è stato il primo venerdì del primo mese del nuovo anno, in quel giorno ho potuto sperimentare in un modo particolarmente vicino, l’amore del Sacro Cuore di Gesù. 

Questo periodo sta diventando per me un’occasione per cercare di dare il meglio di me stesso e rispondere a questo dono di Dio, Padre amoroso. 

È, per me, anche un modo per sperimentare che nella debolezza si manifesta la grandezza di Dio e che la sua grazia ci è sufficiente.

La prima persona cui devo render conto è Cristo stesso, per amarlo di più e chiedergli: «Che cosa vuoi, da me, Signore?».

Questo è anche un momento per amare di più ognuno di voi e offrire tutto, con il fine di rinnovare la chiamata alla santità e lo spirito apostolico della nostra vita: arrivare all’abbraccio con Dio e che tutti gli uomini vadano in Cielo.

Questo periodo di malattia mi ha aiutato a sperimentare in prima persona che la vita è un esame continuo per prepararci al giorno del nostro incontro definitivo con Dio, soprattutto una costante conversione per andare in Cielo. E su cosa saremo esaminati? «Al termine della vita sarai giudicato sull’amore».  In un certo senso, non è altro che un esame sul comandamento di Cristo:
“amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”; “vi do un comandamento nuovo”. Dio in questo momento è molto buono con me e mi fa il regalo di poter meditare più a fondo su questo tema e sperimentare la sua misericordia. Non c´è un momento in cui non pensi a quanto Dio sia buono.

Non sapete come avrei voluto poter rispondere a tutti i messaggi che mi sono arrivati, manifestarvi tutta la gratitudine che sento e quanto mi commuovono le vostre lettere e preghiere. Come vi ho detto nel mio precedente messaggio, desidero unirmi in maniera molto speciale a tutti coloro che sono ammalati e soffrono, soprattutto a coloro che si sentono dimenticati o sono soli. Continuiamo a ricordare con affetto P. Antonio Izquierdo, che ci ha dato un grande esempio di generosità e abbandono fiducioso nelle mani di Dio.

Preghiamo per il Santo Padre e offriamogli il nostro appoggio incondizionato, la nostra risposta generosa ed entusiasta. Mettiamo tutto nelle mani di Maria. Il suo dolce sguardo ci ispira tranquillità e fiducia nella misericordia di Dio. Che Lei sia il nostro sostegno, asciughi le lacrime di coloro che soffrono e ci aiuti in ogni momento ad essere come Cristo, suo Figlio. Un abbraccio di cuore a ciascuno di voi.

In Cristo, Álvaro Corcuera, L.C.


DATA DI PUBBLICAZIONE: 2013-01-25


 
 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


Desideri aggiungere Lettera di P.Álvaro Corcuera in occasione della “conversione di San Paolo” ai tuoi preferiti?
Sì   -    No