Ricerca   Lingua 
 

P. Stefano Lozza, ordinato diacono della Legione di Cristo il 2 maggio 2015 (Articolo)
Padre Federico Macchi, ordinato diacono della Legione di Cristo il 2 maggio 2015 (Articolo)
Ordinati diaconi 20 Legionari di Cristo a Roma (Articolo)
Controcorrente: una caccia al tesoro a squadre per sostenere le Missioni in Messico (Articolo)
Vocazione: non rifugio ma campo di battaglia (Articolo)


Vita spirituale

Lo stile di vita proposto ai membri [Del Movimento Regnum Christi ] è quello dell’adesione fedele a Cristo e alla Chiesa, un cristianesimo attivo ed entusiasta nell’amore, che stimola la comunione nella Chiesa, con un profondo slancio missionario, capace di trasmettere al mondo la fede e la speranza mediante l’annuncio della Parola e la solidarietà evangelica. Il Regnum Christi, come movimento ecclesiale, non può prescindere dall’avere tali caratteristiche, proprie della perenne giovinezza della Chiesa sostenuta dall’azione costante dello Spirito Santo su di Essa. (MMRC n. 21).


Meditazione
2015-07-01

La sconfitta di satana
ITALIA | VITA SPIRITUALE | SPIRITUALITà




Vangelo                                          

Matteo 8, 28-34 



In quel tempo, giunto Gesù all’altra riva, nel paese dei
Gadarèni, due indemoniati, uscendo dai sepolcri, gli andarono incontro; erano
tanto furiosi che nessuno poteva passare per quella strada. Ed ecco, si misero
a gridare: «Che vuoi da noi, Figlio di Dio? Sei venuto qui a tormentarci prima
del tempo?». A qualche distanza da loro c’era una numerosa mandria di porci al
pascolo; e i demòni lo scongiuravano dicendo: «Se ci scacci, mandaci nella mandria
dei porci». Egli disse loro: «Andate!». Ed essi uscirono, ed entrarono nei
porci: ed ecco, tutta la mandria si precipitò giù dalla rupe nel mare e
morirono nelle acque. I mandriani allora fuggirono e, entrati in città,
raccontarono ogni cosa e anche il fatto degli indemoniati. Tutta la città
allora uscì incontro a Gesù: quando lo videro, lo pregarono di allontanarsi dal
loro territorio.



Lettura



Il brano del Vangelo odierno fa emergere un “Gesù in azione”
che ammaestra e agisce con segni concreti e potenti, tali da evidenziare la sua
unica e straordinaria autorità e la forza di poter colpire il male alla sua
stessa radice. Egli ha potere sui cataclismi naturali (la tempesta sedata),
sulle alienazioni provocate dai mali oscuri che insidiano le singole persone e
le società (gli indemoniati di Gerasa); infine sul peccato, il vero male, che
intacca l’uomo paralizzandolo interiormente nelle sue forze vitali, come per il
peccatore paralitico. Il vero “liberatore” dell’uomo è soltanto Gesù.



Meditazione



Oggi è sempre più difficile leggere la storia nelle sue
componenti: Dio, l’uomo e satana. L’uomo, diventato il centro dell’universo,
sta togliendo ogni diritto all’esistenza tanto a Dio quanto a satana. Nessuno
nega la storicità di Gesù Cristo, ma riconoscerne la divinità è, secondo molte
persone, roba d’altri tempi. Peggio sarebbe se si dovesse affermare quanto
insegna il Concilio Vaticano II, che Gesù è l’unico
Salvatore del mondo, il fine della storia umana, il punto focale dei desideri
della civiltà, la salvezza di tutti. Il primo a riconoscere Gesù come il Figlio
di Dio è, paradossalmente, proprio satana, che intende difendere le sue
posizioni, appellandosi ai suoi diritti territoriali e ai segreti del piano
divino. Anche satana ha il suo impero e il suo dominio. Quest’occulto signore
della morte, omicida fin da principio, padre della menzogna, tentatore per
eccellenza, esiste davvero e, con proditoria astuzia, semina errori, lutti e
guerre. Sa furbescamente insinuarsi nell’uomo. L’intento è di rovinarlo col peccato
e di allontanarlo da Dio. Satana c’è e gli effetti della sua azione nefasta
sono il vistoso degrado spirituale e morale dell’uomo e dell’intera società. Ma
Gesù, il Figlio di Dio, il Salvatore, è vivo e presente. Agisce con
straordinaria autorità ed efficacia, comanda tanto ai venti, quanto ai demòni e
con questa forza divina li vince. Il racconto si fa drammatico quando essi,
mentre cercano scampo, sono respinti nelle profondità abissali del loro regno.
Il punto atteso del racconto è l’annuncio della fine del regno di satana e
l’arrivo di quello di Cristo. Gesù non cessa di operare nel mondo come lievito
nella massa e come luce nelle tenebre. Questa è la sorgente della nostra
fiducia.



Preghiera



Liberaci, o Signore, da tutti i mali, passati, presenti e futuri
e, per l’intercessione della Beata Vergine Maria, liberaci dagli assalti di
satana. Non abbandonarci nella tentazione e, nella prova, sostienici con la
forza della tua grazia.



Agire



Fuggire le occasioni di peccato, le esperienze licenziose dei
sensi, vigilare sulla fantasia e sulle passioni ingannevoli. Lasciarsi attirare
e fare, invece, solo quanto è virtuoso.



Meditazione a cura di Mons. Alberto Maria Careggio, vescovo emerito di
Ventimiglia – San Remo, tratta
dal mensile Messa Meditazione, per gentile concessione di 
EdizioniART.

Per abbonamenti: info@edizioniart.it.  



 




La meditazione quotidiana è un servizio offerto dal Regnum Christi.

Per iscriversi o regalare l’iscrizione alla meditazione quotidiana clicca qui.

DATA DI PUBBLICAZIONE: 2015-07-01


 
 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


Desideri aggiungere La sconfitta di satana ai tuoi preferiti?
Sì   -    No