Ricerca   Lingua 
 

La propria identità e l’empatia con l’altro (Articolo)
Nessun confronto tra Maria Maddalena e il fondatore (Articolo)
Evangelii Gaudium – La gioia di annunciare il Vangelo (Articolo)
Un ingresso al noviziato e tre professioni religiose a Gozzano (Articolo)
Gesù il più grande pedagogo della storia (Articolo)


Vita spirituale

Lo stile di vita proposto ai membri [Del Movimento Regnum Christi ] è quello dell’adesione fedele a Cristo e alla Chiesa, un cristianesimo attivo ed entusiasta nell’amore, che stimola la comunione nella Chiesa, con un profondo slancio missionario, capace di trasmettere al mondo la fede e la speranza mediante l’annuncio della Parola e la solidarietà evangelica. Il Regnum Christi, come movimento ecclesiale, non può prescindere dall’avere tali caratteristiche, proprie della perenne giovinezza della Chiesa sostenuta dall’azione costante dello Spirito Santo su di Essa. (MMRC n. 21).


Meditazione
2014-09-30

Decisioni che impegnano
ITALIA | VITA SPIRITUALE | SPIRITUALITà





Vangelo

Luca
9,51-56

Mentre
stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese
la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri
davanti a sé. Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di
Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché
era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli
Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal
cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un
altro villaggio.

Lettura 

L’annuncio
della propria cattura, dato da Gesù per tre volte ai discepoli, si sta ora
realizzando. Perciò Gesù, in piena consapevolezza di ciò che gli sta davanti,
decide di iniziare il suo viaggio verso Gerusalemme, la città santa. È giunta l’ora
di glorificare il Padre nel dono supremo della sua vita. Nel cammino, viene
rifiutato dai Samaritani, ma nemmeno dai suoi discepoli viene compreso. Mente
Gesù prosegue il suo cammino per ritornare al Padre, i discepoli, ancora una
volta, gli propongono di usare i mezzi forti verso chi gli è ostile.

Meditazione

Accompagniamo
Gesù che, lasciata la Galilea, sale con decisione verso Gerusalemme, pur
sapendo che sarà il luogo della sua finale passione messianica. Tutta la vita
di Gesù è caratterizzata da una continua tensione verso Gerusalemme. Si
realizzano ora le parole del Vangelo di Giovanni: «Sono uscito dal Padre e sono
venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre» (16,28). Pur
circondato dai discepoli, Gesù si ritrova solo, ancora una volta non compreso
proprio da chi gli è più vicino. Contempliamo la libertà di Gesù che prosegue
il suo cammino senza lasciarsi condizionare dalle resistenze di chi vorrebbe
che usasse metodi più energici, ma consideriamo Gesù anche come un uomo ferito
davanti a chi lo osteggia nel suo piano di fedeltà al Padre e di amore incondizionato.
I Samaritani lo rifiutano e gli negano l’ospitalità, ma nello stesso tempo
anche i discepoli contestano lo stile mite e umile di Gesù, che davanti alle
opposizioni, degli uni e degli altri, non reagisce, ma semplicemente “si mette
in cammino verso un altro villaggio”. Niente può resistere all’amore, nessuna
forza avversa può bloccare la decisione di Gesù di essere fedele al Padre fino
in fondo. Impariamo a seguire Gesù con i suoi stessi sentimenti, con tutte le
nostre forze, dovunque Egli vada, dovunque ci conduca. Impariamo ad usare anche
noi il suo stesso stile: Egli non impone, non minaccia, non castiga, ma attende
che le persone diventino benevole e accoglienti. Ricordiamo le parole di Papa
Francesco: «Mi viene da pensare alla tentazione, che forse possiamo avere anche
noi, e che tanti hanno, di collegare l’annuncio del Vangelo con bastonate
inquisitorie, di condanna. No, il Vangelo si annuncia con dolcezza, con
fraternità, con amore».

Preghiera

Ti
benediciamo, o Signore, per la fermezza con cui ti avvii verso Gerusalemme, là
dove ti attendono sofferenza e morte, ma anche la vittoriosa risurrezione.
Aiutaci ad essere decisi come te quando dobbiamo abbracciare le nostre croci,
quelle che non abbiamo scelto e che spesso sembrano tanto pesanti.

Agire

Nel
corso di questa giornata, mentre subiamo ostilità e prove, scegliamo di nuovo
di rispondere al male col bene, perché tutta la nostra vita diventi una
benedizione.

Meditazione a cura di Mons. Oscar Cantoni,
vescovo di Crema, tratta dal
mensile Messa Meditazione, per gentile concessione di 
EdizioniART.

Per abbonamenti: info@edizioniart.it.  




La meditazione quotidiana è un servizio offerto dal Regnum Christi.

Per iscriversi o regalare l’iscrizione alla meditazione quotidiana clicca qui.

DATA DI PUBBLICAZIONE: 2014-09-30


 
 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


Desideri aggiungere Decisioni che impegnano ai tuoi preferiti?
Sì   -    No