Ricerca   Lingua 
 

La GMG con il Regnum Christi, a Cracovia (Articolo)
Si è conclusa l´Assemblea territoriale del Regnum Christi (Articolo)
Missioni di Settimana Santa 2016 (Articolo)
Assemblea territoriale del Processo di Revisione degli Statuti (Articolo)
La lingua materna dell’Europa è il cristianesimo (Articolo)


Vita spirituale

Lo stile di vita proposto ai membri [Del Movimento Regnum Christi ] è quello dell’adesione fedele a Cristo e alla Chiesa, un cristianesimo attivo ed entusiasta nell’amore, che stimola la comunione nella Chiesa, con un profondo slancio missionario, capace di trasmettere al mondo la fede e la speranza mediante l’annuncio della Parola e la solidarietà evangelica. Il Regnum Christi, come movimento ecclesiale, non può prescindere dall’avere tali caratteristiche, proprie della perenne giovinezza della Chiesa sostenuta dall’azione costante dello Spirito Santo su di Essa. (MMRC n. 21).


Meditazione
2016-12-08

Domus aurea
ITALIA | VITA SPIRITUALE | SPIRITUALITà

Vangelo


Lc 1,26-38


In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.


Lettura


Il brano dell’Annuncio a Maria fa parte di un dittico presente nel primo capitolo del vangelo di Luca, ed è preceduto dall’annuncio a Zaccarìa. Nel primo brano siamo a Gerusalemme, qui a Nazaret, in una borgata sperduta; nel primo, il protagonista è un uomo appartenente ad una tribù sacerdotale, qui è una donna; nel primo, l’annuncio di un figlio è dato a un uomo avanti negli anni, qui ad una adolescente; nel primo, Zaccarìa dubita ed è ridotto al silenzio, qui Maria aderisce alla volontà di Dio e diventa portatrice di un canto di salvezza.


Meditazione


La solennità dell’Immacolata Concezione di Maria è incastonata nel cammino dell’Avvento come un diamante che riflette già la luce del Natale. Non sottolinea una virtù o una dote della Madre di Dio, perché annuncia una grazia specialissima di cui Maria è stata dotata da Dio fin dal primo attimo del suo concepimento, anzi, prima dei secoli, come singolare privilegio in vista della divina maternità. È la festa del primato e della sovranità della grazia, prima di ogni scelta, prima di ogni atto consapevole. Siamo chiamati a contemplare l’opera di Dio, che progetta, insieme alle rotte stellari e allo splendore dei corpi celesti, i passi dell’uomo, le sue vicende e il districarsi di due libertà: quella del Creatore e quella della creatura. Maria Immacolata è la Casa che Dio progetta per sé in vista dell’Incarnazione, la Casa tutta d’oro, la Madre tutta bella e senza macchia di peccato originale. Contempliamo Dio all’opera sul telaio della storia, e ringraziamoLo perché l’umanità è stata progettata “capax Dei”, cioè capace di dialogare con Dio, di intenderLo, addirittura di ospitarLo in sé. In quest’opera, Maria è l’anello d’oro di una catena di grazia, e la sua Immacolata Concezione la prova che Dio da sempre ha pensato di incarnarsi, prima di ogni tempo, prima di ogni colpa, prima di ogni tragedia da volgere a fiaba. Questa contemplazione getta luce anche sulla Chiesa di cui Maria è anticipo e, nella Chiesa, su ciascuno di noi. Anch’io sono stato pensato da Dio prima dei tempi, prima dei miei genitori, prima della mia nascita. Anch’io sono stato chiamato ad essere santo e immacolato nell’amore, e nelle strettezze del tempo porto questo timbro regale, questa dignità che nessun peccato riuscirà mai a cancellare. Mi perdo in questi pensieri di bellezza e di grandezza, a tratti mi sembra di perdere l’equilibrio, il senso della realtà: ne sono interiormente consolato, “il naufragar m’è dolce in questo mare”.


Preghiera


Ti ringrazio, Padre, per il dono di Maria Immacolata, richiamo ad alte vette innevate dove l’uomo non può camminare. So che i miei occhi di talpa non possono gustare tutta questa luce, eppure di essa mi beo e mi inebrio. Rendimi certo che c’è una verginità dell’anima che nessuna violenza potrà mai raggiungere e intaccare.


Agire


Compro dei fiori bianchi da mettere in casa come richiamo.


Meditazione a cura di mons. Arturo Aiello, vescovo di Teano-Calvi, tratta dal mensile Messa Meditazione, per gentile concessione di Edizioni ART.


Per abbonamenti: info@edizioniart.it.  




La meditazione quotidiana è un servizio offerto dal Regnum Christi.

Per iscriversi o regalare l’iscrizione alla meditazione quotidiana clicca qui.

FECHA DE PUBLICACIÓN: 2016-12-08


 
 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


¿Deseas agregarDomus aurea a tus favoritos?
  -    No