Ricerca   Lingua 
 

Inizia il processo di riflessione sugli Statuti del Regnum Christi (Articolo)
La missione del sacerdote nelle scuole cattoliche (Articolo)
Si costituisce la Commissione Territoriale per la Revisione degli Statuti (Articolo)
Ordinazioni sacerdotali dei Legionari di Cristo (Articolo)
“Tieni la rotta” (Articolo)


Vita spirituale

Lo stile di vita proposto ai membri [Del Movimento Regnum Christi ] è quello dell’adesione fedele a Cristo e alla Chiesa, un cristianesimo attivo ed entusiasta nell’amore, che stimola la comunione nella Chiesa, con un profondo slancio missionario, capace di trasmettere al mondo la fede e la speranza mediante l’annuncio della Parola e la solidarietà evangelica. Il Regnum Christi, come movimento ecclesiale, non può prescindere dall’avere tali caratteristiche, proprie della perenne giovinezza della Chiesa sostenuta dall’azione costante dello Spirito Santo su di Essa. (MMRC n. 21).


Meditazione
2015-01-31

La Chiesa supera le tempeste
ITALIA | VITA SPIRITUALE | SPIRITUALITà







 





 



Vangelo                                          



Marco
4,35-41                                 



In
quel medesimo giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo
all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella
barca. C’erano anche altre barche con lui. Ci fu una grande tempesta di vento e
le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne
stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero:
«Maestro, non t’importa che siamo perduti?». Si destò, minacciò il vento e
disse al mare: «Taci, càlmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi
disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?». E furono presi da
grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il
vento e il mare gli obbediscono?».



Lettura



Dopo
le parabole, l’evangelista Marco riprende la narrazione dei miracoli, mediante
i quali il discepolo è stimolato a interrogarsi sulla vera identità di Gesù. Il
primo miracolo, la tempesta sedata, ricorda l’esorcismo con cui Gesù ha
iniziato la sua attività pubblica nella sinagoga di Cafarnao. Il mare in
burrasca e i venti contrari rappresentano simbolicamente il male e la morte che
solo Dio può dominare. Il modo con il quale inizia la narrazione del miracolo
rimanda alla storia del profeta Giona che, come Gesù, dormiva durante la
tempesta. Ma mentre il primo si fece gettare nel mare per placarlo, il Signore
fa cessare la burrasca con la sua sola parola.



Meditazione



Oggi
ricordiamo liturgicamente san Giovanni Bosco: quale omaggio a lui più
appropriato che quello di attualizzare il brano evangelico che abbiamo
ascoltato con uno dei suoi sogni più famosi, quello delle due
colonne
. In esso Don
Bosco vide la nave Chiesa, non soltanto sballottata dalle onde, ma insidiata da
tante navi nemiche. Alla guida di questa nave c’era il Papa, che a differenza
di Gesù, non dorme, ma vigila e allerta tutti i suoi collaboratori. Egli, però,
non ha lo stesso potere di Cristo; per salvare la Chiesa deve ancorarla a due
colonne
: l’Eucaristia e
la Vergine Immacolata, aiuto dei cristiani. Quando tutta la Chiesa, guidata dal
Papa, riesce a far questo, ecco ritornare nel mare la bonaccia. I nemici che
più si accanivano contro la Chiesa, ai tempi di Don Bosco, erano la Massoneria
e i Protestanti. Oggi i nemici della Chiesa sono i vari integralismi religiosi
che perseguitano, uccidono e tentano di distruggere anche il ricordo di
Comunità cristiane che risalgono addirittura ai tempi apostolici. In Italia,
invece, il nemico più subdolo della Chiesa è uno stile di vita che non tiene conto
del Vangelo, solo preoccupato del benessere materiale e del denaro. Come
vincerlo? Accogliendo le indicazioni che ci vengono dal sogno di Don Bosco:
Ancoriamo le nostre vite all’Eucaristia e all’Immacolata. Seguiamo le
indicazioni che ci dà il Papa e cerchiamo d’essere più uniti a lui e tra di
noi. Ad esempio, se la scuola di calcio dei nostri bambini impedisce loro di
partecipare alla messa domenicale… traiamone le conseguenze. Insegniamo, poi,
ai nostri figli a iniziare e a terminare la loro giornata con l’Ave
Maria
; allora, nel nostro piccolo, avremo contribuito a salvare
la nave Chiesa.



Preghiera



«Il
Signore parlò e fece levare un vento burrascoso che sollevò i suoi flutti. Nell’angoscia
gridarono al Signore ed egli li liberò dalle loro angustie. Ridusse la tempesta
alla calma, tacquero i flutti del mare. Si rallegrarono nel vedere la bonaccia
ed egli li condusse al porto sospirato» (dal Salmo 107).



Agire



Stasera,
in comunione spirituale con Don Bosco, dirò un’Ave Maria
con tutta la mia famiglia.



Meditazione a cura dei monaci dell’Abbazia di
Sant’Eutizio, Piedivalle di Preci (PG), tratta dal mensile Messa Meditazione, per gentile concessione di 
EdizioniART.

Per abbonamenti: info@edizioniart.it.  




La meditazione quotidiana è un servizio offerto dal Regnum Christi.

Per iscriversi o regalare l’iscrizione alla meditazione quotidiana clicca qui.

DATA DI PUBBLICAZIONE: 2015-01-31


 
 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


Desideri aggiungere La Chiesa supera le tempeste ai tuoi preferiti?
Sì   -    No