Ricerca   Lingua 
 

La GMG con il Regnum Christi, a Cracovia (Articolo)
Si è conclusa l´Assemblea territoriale del Regnum Christi (Articolo)
Missioni di Settimana Santa 2016 (Articolo)
Assemblea territoriale del Processo di Revisione degli Statuti (Articolo)
La lingua materna dell’Europa è il cristianesimo (Articolo)


Vita spirituale

Lo stile di vita proposto ai membri [Del Movimento Regnum Christi ] è quello dell’adesione fedele a Cristo e alla Chiesa, un cristianesimo attivo ed entusiasta nell’amore, che stimola la comunione nella Chiesa, con un profondo slancio missionario, capace di trasmettere al mondo la fede e la speranza mediante l’annuncio della Parola e la solidarietà evangelica. Il Regnum Christi, come movimento ecclesiale, non può prescindere dall’avere tali caratteristiche, proprie della perenne giovinezza della Chiesa sostenuta dall’azione costante dello Spirito Santo su di Essa. (MMRC n. 21).


Meditazione
2016-09-30

Chi ascolta voi ascolta me
ITALIA | VITA SPIRITUALE | SPIRITUALITà

Vangelo


Luca 10,13-16


In quel tempo, Gesù disse: «Guai a te, Corazìn, guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che avvennero in mezzo a voi, già da tempo, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, nel giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi. E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me disprezza colui che mi ha mandato».


Lettura


La prima lettura è tratta dal primo lungo discorso di Dio a Giobbe. Il Signore, attraverso domande incalzanti, pone il suo interlocutore davanti ad un creato bello e armonioso per fargli prendere consapevolezza della sua creaturalità e fragilità. Le dure parole di Gesù si collocano all’interno del discorso missionario: per comprenderle pienamente è necessario leggerle all’interno di questo contesto.


Meditazione


Gesù ha appena inviato nelle città in cui sta per recarsi settantadue discepoli, dando loro precise indicazioni. Tra queste, c’è l’invito a uscire dalla città che non li accoglierà, e a scuotere anche la polvere di quel luogo dai loro piedi, senza però smettere di ricordare ai suoi abitanti che il regno di Dio è vicino. Gesù termina rivelando che Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città. A questo punto si inseriscono le parole riportate nel Vangelo di oggi. Il termine “guai” rimanda agli oracoli con i quali i profeti cercavano di scuotere il popolo, perché si convertisse. Questo è anche lo scopo delle parole di Gesù contro le città di Corazìn, Betsàida e Cafàrnao. Dietro la parola “prodigi” c’è un termine greco utilizzato per indicare la “potenza” dello Spirito con cui Gesù comanda agli spiriti cattivi e opera guarigioni (Lc 4,36; 5,17; 6,19); un potere che dona ai Dodici (Lc 9,1). In mezzo alle città a cui Gesù si rivolge sono avvenuti prodigi, cioè gesti di guarigione, eppure tutto questo non ha portato i cittadini a convertirsi, a cambiare modo di vedere le cose. Davanti a questo, possiamo chiederci se siamo consapevoli delle meraviglie che il Signore compie nelle nostre vite, o se invece continuiamo a pensare di essere il centro della nostra esistenza, che quello che abbiamo è solo frutto delle nostre forze. Se siamo consapevoli dell’agire di Dio nella nostra vita, lasciamo che il suo amore ci modelli e, piano piano, converta il nostro cuore e la nostra mente? Un’altra provocazione ci raggiunge dalle ultime parole di Gesù. Affermando che chi ascolta i settantadue, e non solo i Dodici, ascolta lui, Gesù parla ad ogni credente, portandoci a diventare consapevoli della responsabilità che abbiamo. Che tipo di testimonianza diamo della nostra relazione con Gesù? Le nostre parole e i nostri gesti lasciano trasparire la sua voce? Nella preghiera, mettiamo davanti al Signore la nostra situazione e chiediamo a lui la grazia di poterlo meglio lodare e servire nella e con la nostra vita.


Preghiera


«Meravigliose sono per me le tue opere, le riconosce pienamente l’anima mia» (Sal 139,14): chiedo al Signore la grazia di poter vedere e gustare le opere che compie nella mia vita.


Azione


Guardo a ciò che il Signore ha compiuto nella mia vita per scoprire il “suo stile”, il suo modo di agire, e gli chiedo di essere mosso dai suoi stessi desideri.


Meditazione a cura di Marzia Blarasin, tratta dal mensile Messa Meditazione, per gentile concessione di Edizioni ART.


Per abbonamenti: info@edizioniart.it.  




La meditazione quotidiana è un servizio offerto dal Regnum Christi.

Per iscriversi o regalare l’iscrizione alla meditazione quotidiana clicca qui.

FECHA DE PUBLICACIÓN: 2016-09-30


 
 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


¿Deseas agregarChi ascolta voi ascolta me a tus favoritos?
  -    No