Ricerca   Lingua 
 

È morto, in Messico, P. Álvaro Corcuera, L.C. (Articolo)
Ora resta la corona di giustizia (Articolo)
P. Gianfranco Ghirlanda nominato assistente pontificio della Legione di Cristo (Articolo)
Francesco ha benedetto il tabernacolo della chiesa “Duc In Altum” (Articolo)
«Il sì umile e trepidante che ora pronuncerete, Vi accompagni come croce e come gloria, per tutta la vita» (Articolo)

Ritiro mensile
 
Il ritiro è un’opportunità per trascorrere un momento con Cristo. Ci permette di scoprire come possiamo farci più simili a Lui e come amarlo di più.
 

Il ritiro mensile è una pausa in mezzo alle occupazioni quotidiane per dedicarsi alla preghiera e alla riflessione personale in un ambiente di serenità e silenzio. Il principale obbiettivo del ritiro è il dialogo con Dio attraverso l’ascolto della sua parola, le meditazioni guidate e l’esame della propria vita.

Il ritiro mensile è un’occasione privilegiata per confermare o riprendere il cammino del progresso spirituale e permettere a ciascuno di confrontare la propria vita con il Vangelo, assimilare e approfondire le verità basilari della fede e della morale, e verificare se gli atteggiamenti e i comportamenti personali corrispondano ai principi e alle convinzioni fondamentali della vita cristiana.

In questo modo si forma l’uomo, il cristiano e l’apostolo. Mentre nel cuore matura l’apertura verso Dio e il prossimo, si sviluppa la psicologia e l’emotività, si gerarchizzano i valori, e si sviluppa il senso della trascendenza e dell’eterno.

Un elemento di particolare valore in ogni ritiro spirituale è la vita sacramentale. Perciò, se ci sono sacerdoti disponibili, si offre solitamente ai partecipanti la possibilità di avvicinarsi al sacramento della confessione e si conclude il ritiro con la celebrazione della Santa Messa e la comunione eucaristica.

È bene vivere il ritiro in un clima di raccoglimento esteriore e interiore, affinché sia più fruttuoso, lasciando da parte le distrazioni e le preoccupazioni quotidiane e aprendosi alle luci e alle mozioni interiori che Dio vuole concedere a ciascuno per mezzo della predicazione o della preghiera personale.

Triduo di rinnovamento o esercizi spirituali

Una volta all’anno, i membri del Movimento dedicano uno spazio più ampio al contatto con Dio mediante il triduo di rinnovamento o gli esercizi spirituali. Il triduo di rinnovamento dura tre giorni, mentre gli esercizi spirituali possono durare fino a sei o otto giorni. Gli esercizi spirituali possiedono una dinamica interna che, presupponendo l’aiuto della grazia divina, conduce chi li fa con serietà a una forte esperienza spirituale di conversione e di identificazione con Gesù Cristo.

In questi giorni di particolare raccoglimento spirituale, si trova un’occasione privilegiata per l’incontro fecondo e rinnovatore con Dio e con se stessi. In essi matura e si consolida la fede, si cresce nella conoscenza di se stessi, si consolidano lo spirito cristiano e apostolico, si cerca serenamente la volontà di Dio e si orientano o ratificano le decisioni profonde della propria vita in linea con il Vangelo. 

È bene affrontare il triduo con una grande visione di fede, con l’atteggiamento e l’impegno necessari per approfittarne, con un intenso desiderio di incontrarsi con Dio nella preghiera e di servirsi del silenzio e del raccoglimento per ricevere, con le migliori disposizioni possibili, l’azione della grazia di Dio nel proprio cuore. 

Conviene anche approfittare di questi giorni di pace e serenità per considerare la propria vita alla luce della volontà di Dio, riconoscendo le proprie miserie e limitazioni, e riprendere il cammino della conversione e della riconciliazione con Dio. In questo senso è opportuno che, in accordo con il prudente giudizio del confessore o direttore spirituale, si faccia una confessione generale dei peccati commessi durante l’anno.

Come frutto aggiuntivo del triduo di rinnovamento o degli esercizi spirituali, è bene che i partecipanti elaborino o rivedano il loro programma di vita spirituale e rinnovino le proprie promesse di incorporazione al Regnum Christi durante la celebrazione eucaristica conclusiva (Manuale dei Membri del Regnum Christi nn. 262-271).

 
 
 


 


Seguici :   
Sito promosso dalla congregazione dei Legionari di Cristo e dal movimento Regnum Christi, al servizio della Chiesa.
Copyright 2011, Legione di Cristo. Tutti i diritti riservati


¿Deseas agregar ai tuoi preferiti?
Sì   -    No